Arte in Reggia 2013 - Carditello ritrovato

 

Carditello ritrovato

 Caserta Palazzo Reale - Appartamenti Storici

Da ottobre a tutto dicembre (mostra)

di Vega de Martini

Tra i siti Reali Borbonici di maggiore interesse in Campania si può annoverare certamente quello di Carditello in località San Tammaro, non lontano dalla grande Reggia di Caserta, una dinamica azienda agricola organizzata sia per gli allevamenti di pregiate razze equine sia per la produzione e vendita di prodotti caseari. Costruito con sobrio ed elegante stile neoclassico a partire dal 1787 su progetto dell’architetto Francesco Collecini, oggi Carditello versa in precarie condizioni conservative dopo le vicissitudini subite a partire dall’unità d’Italia, quando la tenuta reale borbonica, passò prima ai Savoia, poi nel 1920 all’opera Nazionale Combattenti ed infine al Consorzio Generale di bonifica del bacino inferiore del Volturno. Il suo ricco arredo, specialmente relativo alla palazzina centrale con i Reali Appartamenti (quadri, arazzi, mobili etc…), è andato quindi disperso tra le varie residenze reali: Reggia di Caserta, Palazzo Reale di Napoli, Capodimonte etc…. La mostra si propone di rimettere insieme, ed in vista - mettendo in campo una importante ricerca archivistica - tale patrimonio, a partire da quanto, ed è tantissimo, può identificarsi nelle collezioni casertane.

carditello1
Martin Ferdinand Quadal (Niemtschitz, 1736 San Pietroburgo, 1808)
Ritratto del canettiere di Corte Domenico Salerno con cani e caccia
Olio su tela (cm 163x227), Caserta, Palazzo reale Pinacoteca
carditello2
Francesco Cipper, Famiglia di contadini
firmato, olio su tela, cm 230x179
Caserta, Palazzo Reale Pinacoteca