Mediterranean Workshop 2017

a Napoli il 23-24 ottobre.

Studenti napoletani hanno

contribuito all'organizzazione:

 un'esperienza di alternanza scuola

 lavoro fuori da ogni schema.

l’Istituto alberghiero e turistico Elena di Savoia ha contribuito all’organizzazione del Workshop coinvolgendo i suoi studenti nell’accoglienza agli ospiti e occupandosi della ristorazione: un’importante esperienza in ambito internazionale, sia dal punto di vista personale che da quello didattico come impegnativa “esercitazione” professionale. Non si sarebbe potuto immaginare un'accoglienza più viva e simpatica, apprezzatissima da tutti i partecipanti al Workshop. E il cibo é stato di grande qualità, oltre che servito con grande calore e simpatia. Complimenti, ragazze e ragazzi!

Il Workshop ha visto interagire importanti esponenti di ambienti scientifici, tecnologici ed economici del Mediterraneo, al fine comune di individuare nuove strade per un suo sviluppo coerente e sostenibile, che diano alle nuove generazioni speranza di benessere e pace. Il programma è articolato su quattro linee di lavoro: mobilità di competenze, sviluppo sostenibile, beni culturali e strategia marina. Esso è stato costruito tenendo conto delle risposte a una richiesta di liberi contributi e può essere scaricato da http://www.jeangilder.it/mw17/ .

Il tutto nello spirito che il Mediterraneo con le sue millenarie culture e le sue attualità è sempre lo stesso sia che si ponga il nord in alto come nella usuale cartografia o in basso come nella Tabula Rogeriana dello studioso arabo Al Idrisi alla corte del re normanno di Sicilia Ruggiero II, simbolicamente rappresentata in figura. Anche la Terra non cambia se invertiamo il mappamondo.